Type and press Enter.

Lo Chef

Chef Celestino Mauro
”…Affidatevi con fiducia ai menu pensati del giovanissimo chef Celestino Mauro che, dopo presenze in locali di rango (anche all’estero), ha gettato l’ancora nella sua terra. Cucina pulita, grande attenzione al territorio, campagna, mare e montagna…”
Uno spirito giovane e audace, un nuovo modo di intendere la gastronomia, una costruzione del piatto curata, originale e contemporanea.
Questi sono in punti di forza del giovanissimo Chef cosentino Celestino Mauro.
Nato nel 1995 a Castrovillari in provincia di Cosenza e diplomato da tecnico dei servizi alberghieri e della ristorazione presso l’istituto alberghiero locale “Karol Wojtyla”.
Una professione, la sua, che nasce da una passione e da un profondo rispetto per le materie prime e per l’identità del territorio che si affina e si trasforma in piatti ricercati, equilibrati e ricchi di storia ma pensati in chiave contemporanea.
Dopo il diploma ha avuto modo di confrontarsi con Chef di livello e professionisti del settore altamente qualificati, intraprendendo la formazione sul campo nelle cucine più rinomate d’Italia.
Il suo percorso inizia dallo studio tecnico e dall’approfondimento qualitativo delle materie prime, dapprima presso il ristorante stellato Antica Corte Pallavicina a Polesine Parmense (Pr), dove grazie all’incontro con lo Chef Massimo Spigaroli acquisisce padronanza delle più moderne tecniche di lavorazione degli alimenti. Prosegue il suo cammino lavorativo al The Fat Duck, tempio dell’alta gastronomia, tre stelle Michelin, a Bray, nel Berkshire, in Inghilterra, sotto la guida dello chef HestonBlumenthal.
Nel 2019, ormai noto nel settore, lavora per il grande maestro Gennaro Esposito nel ristorante La Torre del Saracino, a Vico Equense (Na) mentre nel 2020 anima le cucine del ristorante Santa Elisabetta di Firenze, collaborando all’acquisizione di due stelle Michelin.
Nel 2021, sceglie di tornare nella sua terra per apportare qualità e competenza alla gastronomia calabrese e, insieme alla moglie Nelia Rubini, dà vita ad un sogno condiviso: Core Restaurant.
L’amore ed il rispetto per il cibo e le materie prime gli valgono un posto nella guida del “Gambero Rosso” ad un anno dall’apertura del suo ristorante facendogli conquistare ulteriore notorietà a livello nazionale.
Nell’ottobre 2022 viene attenzionato da guide autorevoli di settore e viene riconosciuto tra i migliori 30 chef d’Italia Under 30.
Ora, sempre insieme alla sua dolce metà, è il direttore artistico ed executive chef delle cucine di Labels.
Una storia, la sua, destinata a proseguire nel nome della professionalità, della competenza e soprattutto della passione.